Abbonamento HUMA3


Solo titoli

Da vedere


Huma3 collabora con

HUMA3 ART MAGAZINE N.4
Spabogados

Efemeride

Il 26 Novembre di

1904 nacque il romanziere cubano Alejo Carpentier, inventore del realismo magico.

1909 nacque il drammaturgo rumeno Eugène Ionesco

NOVITÀ: Puoi leggere liberamente tutti gli articoli pubblicati sin dal 2006, tranne quelli più recenti. Per quelli publicati nell/'ultimo mese, e per tenerti aggiornato con regolarità, hai bisogno di un abbonamento. Clicca qui per saperne di più...

nude men: uomini nudi, dal 1800 fino ai giorni nostri

Jean Cocteau, Male Couple, Illustration for Jean Genet’s Querelle de Brest, Paris 1947 Private collection © VBK, Vienna, 2012
Andy Warhol 1928-1987 Querelle, c. 1982 Oil-stick and felt-tip pen on acetate over silkscreen, inks and paper, 111,5 x 90,8 cm Private collection © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts.Inc./VBK, Wien 2012
Egon Schiele 1890-1918 Prediger (Selbstakt mit blaugrünem Hemd), 1913 Bleistift und Gouache auf Papier 47,1 x 31,2 cm Leopold Museum, Wien, Inv. 2365
elmGreen and DraGset / Michael Elmgreen (*1961) and Ingar Dragset (*1968) Shepherd Boy (Tank Top), 2009 Laserchrome color print mounted on aluminium with plexiglass, 200 x 149,5 cm Courtesy Galleri Nicolai Wallner, Kopenhagen / Copenhagen © VBK, Wien 2012
Francis Bacon Dublin 1909 – 1992 Madrid Man at a Washbasin, 1989/90 Oil on canvas, 198 x 147,5 cm Marlborough International Fine Art © The Estate of Francis Bacon/VBK, Wien 2012
Wilhelm von Gloeden 1856-1931 Flötenkonzert, Verlag Adolph Engel, 1905 Fotopostkarte / 8,9 x 13,8 cm Privatsammlung
         
Fin'ora, tutte le mostre precedenti sul tema della nudità sono state per lo più limitate a esporre nudi femminili. Con "uomini nudi", Leopold Museum mette luce -in modo diverso- su un tema atteso da tempo: il nudo maschile, dal 1800 ad oggi.

Grazie a prestiti provenienti da tutta Europa, la mostra "uomini nudi" offre una panoramica senza precedenti della raffigurazione di nudi maschili lungo la storia. Partendo dal periodo dei Lumi nel 18° secolo, la presentazione si concentra principalmente sul tempo intorno al 1800, al 1900 e dopo il 1945. Allo stesso tempo, la mostra presenta anche opere di riferimento importanti dell'antico Egitto, esempi di vasi greci e pittura del Rinascimento. La mostra si concentra dunque sui diversi approcci artistici, un percorso che si snoda lungo i cambiamenti del "modello" di bellezza maschile così come il cambiamento del concetto di bellezza in generale.

La mostra si sviluppa su tre temi in chiave storica: l'epoca classica e il secolo dei lumi intorno al 1800, il modernismo classico intorno al 1900, e dopo il 1945. Questi tre temi sono introdotti da un prologo e partono dunque dall'emancipazione della classe borghese e la rinegoziazione dei concetti di mascolinità nella Francia del secolo 19, per arrivare poi al Modernismo classico nel tardo 19° secolo con la raffigurazione casuale di uomini nudi in ambienti esterni. Qui vale la pena soffermarsi un attimo per approfondire l'argomento con degli esempi di Paul Cézanne, Edvard Munch, Wilhelm von Gloeden, Max Liebermann, Ernst Ludwig Kirchner e altri, assieme alla nuova ricerca che, dalla mano delle teorie psicanalitiche, aprono strada agli artisti quali Egon Schiele. Questi artisti non solo esplorano i tabù dell'epoca, ma cambiano persino l'oggetto di studio, per rivolgersi verso il proprio corpo e la propria nudità.
Finalmente, il periodo attorno a 1945 esplora il tema della nudità maschile attraverso il potenziale politico del corpo nudo. Esempi notevoli del modo intenso in cui gli artisti femministe si sono occupati del proprio corpo si possono trovare nella produzione di Maria Lassnig e Louise Bourgeois, le cui opere sono incluse nella mostra accanto ad altri artisti più giovani. Inoltre, si esplora il tema in termini di forme, e l'emancipazione gay mette luce su quali sono stati i concetti sulla mascolinità, proponendo dei modelli alternativi.





 

 

Altra informazione

 

Indietro
© 2006 - 2014 Huma3.com - Tutti i diritti riservati